Site Overlay

Skyr: scopri la ricetta islandese di cui non puoi fare a meno

Se per molti il termine “skyr” è ancora del tutto sconosciuto, per le persone è diventato uno degli alimenti essenziali della nuova alimentazione del benessere.

Lo skyr è un formaggio cremoso di origine islandese la cui ricetta ha una tradizione millenaria.

Ma cos’è lo skyr, come si consuma e quali sono i segreti di questo alimento del benessere?

Scopriamolo insieme nelle prossime righe!

Skyr: di cosa si tratta

Isey Skyr, lo yogurt tradizionale islandese è entrato di diritto a far parte della nuova e ricercatissima categoria deisuperfood proprio per i molteplici benefici che apporta alla nostra salute.

Lo Skyr è un formaggio cremoso di latte vaccino e la sua ricetta è tipica dell’Islanda.

Molti nutrizionisti hanno iniziato a consigliare lo skyr a chi ricerca un nuovo stile di vita, più sano ed equilibrato, grazie al suo alto contenuto di proteine.

Lo skyr è un formaggio ma ha un aspetto e un sapore molto simili allo yogurt; proprio per questo spesso si abbina a frutta e cereali per uno spuntinodiverso e salutare.

La sua consistenza soffice e cremosa lo rende un alimento molto leggero ed altamente digeribile.

Una delle caratteristiche principali dello skyr, come abbiamo anticipato, è il suo alto contenuto di proteine che, abbinato al suo bassissimo apporto di zuccheri, lo rende uno dei cibi più salutari da utilizzare come spezzafame.

Skyr: produzione e proprietà nutrizionali

Alle origini questo formaggio veniva prodotto anche con latte di origine ovina ma ormai da molti decenni la produzione di skyr è totalmente originata da latte vaccino.

Le famiglie hanno perfezionato la ricetta ed il lungo procedimento per secoli.

Per ottenere lo skyr prima di tutto il latte vaccino va portato ad una temperatura di ottantacinque gradi, per fare in modo che tutti i grassi possano risalire in superficie.

Il secondo passaggio prevede l’aggiunta di una determinata quantità di skyr realizzato nella precedente produzione in aggiunta al caglio di vitello.

Questo ingrediente così particolare è davvero essenziale per la buona riuscita dello skyr: gli enzimi presenti nello stomaco del vitello, infatti, riescono ad innescare la reazione di coagulazione delle caseine del latte.

Siero e cagliata vengono poi filtrati in una fase successiva della lavorazione, quando lo skyr si è ormai raffreddato e può essere filtrato attraverso particolari garze a trama fittissima.

Lo skyr originale non subisce il processo di pastorizzazione.

Altra caratteristica tipica di questo formaggio simile ad uno yogurt? I fermenti derivano solo ed esclusivamente dall’aggiunta dello skyr della produzione precedente, senza alcuna altra origine.

La ricetta delle famiglie islandesi ha fatto il giro del mondo negli ultimi anni, ed ha reso lo skyr uno degli alimenti irrinunciabili per moltissimi sportivi.

Le sue caratteristiche nutrizionali sono davvero interessanti: alto contenuto proteico e bassissimo apporto di zuccheri; il tutto unito al particolare sapore dello skyr e alla possibilità di personalizzazione dello spuntino con frutta o cereali, che hanno contribuito a renderlo un vero e proprio “trend alimentare del momento”.

Grande apporto di calcio e vitamine, unito all’immediata sensazione di energia, completano il profilo nutrizionale di questo alleato della nostra salute.

Skyr: come gustarlo al meglio

Gli Islandesi lo hanno sempre consumato come piatto unico, ma oggi i nutrizionisti consigliano lo skyr come spuntino o ingrediente nuovo e fresco per la colazione.

Abbinato a frutta, cereali, miele o sciroppi diventa più dolce e gustoso.

Un ottimo muesli e frutta secca di accompagnamento renderanno skyr un nuovo alleato per una colazione che vi regalerà la giusta energia per affrontare la giornata.

Skyr e una fettina di torta morbida o magari con l’aggiunta di frutta in pezzi e semi di chia e zucca sono altre due ottime colazioni alternative.

Anche rendere più leggeri alcuni dolci della tradizione come una cheesecake o sostituire il mascarpone con lo skyr per un tiramisù estivo a base di frutta (provate la versione lamponi e kiwi!) sono ottimi spunti per concedersi qualche sfizio senza rinunciare alla linea.

Per gli amanti del salato ecco che lo skyr con aggiunta di cetriolo, aglio e sale si trasformerà in una gustosa ed etnica salsa tzatziki da abbinare ai vostri secondi di carne o pesce. Il successo è assicurato: una volta provato lo skyr non potrete più farne a meno!